Identity 2.0

Saranno ormai 4 anni che studio le modalità migliori e più efficaci per creare un Curriculum Vitae; ed è da circa 2 anni che analizzo (sottoponendomi a estenuanti colloqui) le aziende e le loro prassi d’interazione con i candidati, generalmente neolaureati, che si offrono per coprire nuove posizioni professionali.

Non posso fare a meno di notare che nell’ultimo anno trascorso, qualcosa è effettivamente cambiato. La Rete ha fatto in modo che il CV si estendesse oltre la sua natura intrinseca e diventasse anch’esso un format digitale dai confini poco definiti. Qualche mese fa i responsabili delle aree di Human Resource (HR) si basavano su ricerche su Google per individuare informazioni aggiuntive oltre al semplice “pezzo di carta” inviato dalla persona. Da un pò di tempo vanno direttamente alla ricerca del loro blog; d’altronde nel mondo  vengono aperti 120000 nuovi blog ogni giorno e in media 1,4 ogni secondo: “Il candidato che sto valutando, perchè no, potrebbe essere tra questi” potrebbe dire tra sè e sè qualche impiegato HR.

Il blog sta diventando quindi uno strumento individuale di riferimento che ci permette di farci conoscere, indipendentemente dagli argomenti che tratta.
Pensiamo ai cellulari: quando ero al liceo qualche mio compagno si chiedeva sconvolto cosa avessi a fare un terminale, dal momento che non avevo un’attività lavorativa; provate a dire adesso la stessa cosa ad un liceale…
Lo stesso è avvenuto con l’e-mail: senza una @ non è possibile iscriversi ad alcun servizio Internet, ormai non è più possibile neanche trovare lavoro!
La naturale evoluzione di questa serie di contatti che identificano una persona e la sua reperibilità, sfocerà naturalmente nei blog personali. LinkedIn ad esempio rappresenta nè rappresenta attualmente un passo intermedio.

Il blog costituirà quindi una nuova carta d’identità che si andrà lentamente a sostituire al classico CV.  Forse non solo a questo, forse ad una serie di altri codici e numeri che ci identificano; o meglio il blog ne diventerà un naturale collettore…

“Qualsiasi cosa tu abbia bisogno che possa riguardarmi, trovi tutto su www.lucadefelice.com“, la mia Identity 2.0…

2 Comments

  1. Beh… quando dici “qualche mio compagno si chiedeva sconvolto cosa avessi a fare un terminale” mi sento responsabile di una qualche forma di imprinting

  2. LDF

    Se fai riferimento alla mia resistenza ad aprire il blog, sai che avrai sempre l’onore (e l’onere) di esserne il principale fautore…

Trackbacks/Pingbacks

  1. Una nuova tecnologia abilitante: il microblogging « Web 2.0 Reply - [...] di tipo one2many: i blogs sono in continua crescita e tra qualche anno diventeranno un mezzo d’identità sociale. Ma ...
  2. Micro-Networks Trends 2009 | I have an iDEa! - [...] Slide 19: Personal Brand (Digital Identity) [...]

Leave a Reply

  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn