Piramide COSMA (o Scala LDF.2.0)

Visto che domani parto per un lungo week-end romano (tornerò il 2 Maggio), vi lascio con un post-ulato che potrebbe tenervi impegnati a riflettere nel corso dei prossimi giorni.

Tra il 1943 e il 1954 lo psicologo statunitense Abraham Maslow concepì il concetto di “Hierachy of Needs” (gerarchia dei bisogni o necessità), e la divulgò nel libro Motivation and Personality del 1954. Questa scala di bisogni è suddivisa in 5 differenti livelli, dai più elementari (necessari alla sopravvivenza dell’individuo) ai più complessi (di carattere sociale), la realizzazione dell’individuo la si ha passando per i vari stadi che se non soddisfatti non consentono progressione.
Questa scala è internazionalmente conosciuta come “La piramide di Maslow”. Maslow propose un ordine dei bisogni, chiamato Piramide dei bisogni di Maslow, secondo il quale alcuni bisogni vanno soddisfatti prima che nascano quelli del livello successivo.
1) Bisogni fisiologici: fame, sete, sonno, potersi coprire e ripararsi dal freddo, sono i bisogni fondamentali, connessi con la sopravvivenza.
2) Bisogni di sicurezza: devono garantire all’individuo protezione e tranquillità.
3) Bisogno di appartenenza: consiste nella necessità di sentirsi parte di un gruppo, di essere amato e di amare e di cooperare con gli altri (è molto sentito dall’adolescenza).
4) Bisogno di stima: riguarda il bisogno di essere rispettato, apprezzato ed approvato, di sentirsi competente e produttivo.
5) Bisogno di autorealizzazione: inteso come l’esigenza di realizzare la propria identità e di portare a compimento le proprie aspettative, nonché di occupare una posizione soddisfacente nel proprio gruppo.

MASLOW

Alcuni studiosi hanno teorizzato una probabile evoluzione della scala di Maslow: il benessere che ha contraddistinto le fasi finali del XX secolo ha favorito la capacità nell’uomo di raggiungere facilmente il quinto livello e iniziare a scalare nuove piramidi con un andamento ciclico similare, ma con obiettivi sempre più sfidanti e inerenti la nuova realtà circostante.

Come studioso delle TLC, parzialmente del Web e più in generale dell’Hi-Tech capace di modificare la vita (da cui scaturisce quel TLC – Total Lifestyle Change – sottotitolo del mio blog), ho deciso di teorizzare una nuova scala, il cui concept basico avrà questo nome: Piramide COSMA o (Scala LDF.2.0).
Le integrazioni provenienti dai lettori del mio blog e più in generale dalla Rete permetteranno di arricchire gli oggetti dei singoli step, creando una nuova piramide comune che possa essere attuale per gli Hi-Tech Innovators e Early Adopters del modello del “ciclo di vita dell’adozione tecnologica” di Geoffrey Moore.
I nuovi “bisogni” (tra parentesi si riporta la corrispondente parallelizzazione con i bisogni di Maslow) sono:
1) Bisogno di Connessione (Bisogni fisiologici): PC; Cellulare – necessità di essere presenti, connessi con il mondo. Senza PC non si può lavorare, senza Cellulare non si può addirittura uscire di casa.
2) Bisogno di Orientamento sensoriale (Bisogni di sicurezza): GPS; e-mail; Wi-Fi; iPod; chiave dati USB - piccoli oggetti che sono ormai diventati scontati, delle vere e proprie commodity, che ci permettono di orientarci e organizzarci nel mondo che ci circonda, dandoci sicurezza.
3) Bisogno di Socialità: strumenti di Social Networking (e.g. MySpace, LinkedIn) ; Social Software (e.g. Twitter); Mobile Social Software (Mo.So.So., come Jaiku); Game Console (e.g. Wii; Xbox360; PS3) – tutti quei SW e HW che permettono di crearsi una community, appartenere ad un gruppo ed interagire con altre persone.
4) Bisogno di Medialità: Blog; Do It Yourself (DIY) Media (e.g. YouTube) – necessità edonistica di essere visibili, di partecipare attivamente tramite strumenti cross-mediali.
5) Bisogno di Autocelebrazione: Home Theater; TV LCD Full HD; Vivavoce bluetooth integrato nell’auto - strumenti che danno alla persona, oltre che piacevolezza nel loro utilizzo, un senso di appagamento e realizzazione.

COSMA

Meditate e vi ci ritroverete…

A settimana prossima.

[Update 7 Luglio 2008] Giovanni De Vidi (di PMI.it) cita la Piramide COSMA.

3 Comments

  1. LDF

    Il mio Professore, Emilio Bartezzaghi, che per primo mi spiegò la piramide di Maslow, mi scrive: “[...] la scala di Maslow non è una semplice scala ordinale: ha una proprietà particolare. I bisogni del livello inferiore sono motivanti finché non sono soddisfatti, dopo di che diventano ininfluenti; viceversa la soddisfazione di bisogni a un livello superiore è ininfluente se il livello inferiore non è soddisfatto. Occorre verificare se questo si applica alla sua scala (oppure si tratta di una scala con proprietà diverse [...]“.
    Ritengo che la mia scala funzioni allo stesso modo; e che ad esempio oggetti come l’Home Theater si trovino effettivamente a quel livello perchè ci sono dei bisogni più stringenti ai livelli più bassi che se non vengono risolti, non permettono l’accesso agli scalini più alti (non si intende a livello economico). Per maggior chiarezza, si veda il mio prossimo post.

  2. Il tu prof ha deto una cosa sacrosanta sulla quale nemmeno io, in tanti anni, mi ero mai soffermato a riflettere. Ed effettivamente, anche la tua scala segue qel principio.

    Alex

  3. LDF

    [Update 7 Luglio 2008] Giovanni De Vidi (di PMI.it) cita la Piramide COSMA.

Trackbacks/Pingbacks

  1. I have an iDEa! » Blog Archive » Imprevisti - [...] I have an iDEa! TLC: TeLeCommunication or Total Lifestyle Change? - Luca De Felice © - ...
  2. Micro-Networks Trends 2009 | I have an iDEa! - [...] Slide 7: I bisogni di Maslow (Piramide COSMA) [...]
  3. TamTamy on PMI.it | Luca De Felice - [...] 2) Dall’altro, la piacevole citazione (che riporto sotto) di Giovanni De Vidi relativamente alla mia teoria della piramide COSMA, ...

Leave a Reply

  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn