Piccoli bloggers crescono…il seguito

Ne è passato di tempo da quando ho elencato tutte le persone che ho convinto ad aprire un blog. Di questi, come gli highlander, ne sono rimasti solo due a quali dedico questo post per la tenacia con cui portano avanti le loro idee e per i risultati raggiunti grazie alla rete.

1) Mia madre, oltre alle centinaia di persone che ha conosciuto tramite Anobii e Facebook, ha partecipato ad un convegno dal titolo “Ai margini del caos: fenomeni di autorganizzazione in scienza, arte e umanesimo”, per presentare gli argomenti che tratta quotidianamente sul suo blog. Non dico altro. Vi lascio al video di una persona che ha avuto la gioia di fare il suo primo intervento pubblico e esprimere finalmente i suoi concetti ad una platea di persone che potessero capirla (non come i caproni che ci sono in casa ;-) ).

2) Mio zio, che grazie al blog continua a sostenere la sua causa per il bene del paziente, arrivando addirittura a scrivere e pubblicare un libro “scomodo” grazie alla rete.

37511_copertina_frontcover_icon.png

1 Comment

  1. Grazie per la citazione. In questi anni difficili non ho mai dimenticato il mio compito di medico, Il paziente viene prima della mia vita. La vita non deve interferire con la medicina. E’ per questo che lotto e lotterò sempre per un futuro migliore.
    “Non devi essere migliore di chiunque altro, devi solo essere migliore di quel che hai sempre creduto di poter essere”
    (Ken Venturi)

Leave a Reply

  • RSS
  • Twitter
  • Facebook
  • LinkedIn