Kaizen e Web 2.0

Chi segue il mio blog sa che mi piace accostare teorie di gestione aziendale con lo studio delle ultime dinamiche del Web. Questa volta non potevo fare a meno di notare e riportare alla vostra attenzione come la nascita e lo sviluppo del Web 2.0 siano intrisecamente simili alla teoria Kaizen.

Il Kaizen è una metodologia giapponese di miglioramento continuo, passo a passo, che coinvolge l’intera struttura aziendale. Il termine Kaizen, infatti, è la composizione di due termini giapponesi: Kai (cambiamento) e Zen (meglio). Il kaizen, presentato inizialmente dalla Toyota e applicato sempre più in tutto il mondo, si basa sul principio che detta le fondamenta di questa “filosofia”: “L’energia viene dal basso“, ovvero sulla comprensione che il risultato in un’impresa non viene raggiunto dal management, ma dal lavoro diretto sul prodotto. Il management assume dunque una nuova funzione, non tanto legato alla gestione gerarchica quanto al supporto dei diretti coinvolti nella produzione.

Il Web 2.0 si basa su due concetti che seguono linearmente l’approccio Kaizen:

1) Il miglioramento continuo è espresso dalla beta version: la cosiddetta fase “beta permanente” rientra perfettamente nella filosofia Web 2.0, dove l’interazione con i propri utenti è fondamentale per guidare l’evoluzione di ogni prodotto.

2) I risultati vengono dal basso cioè dagli utenti: tutti i servizi 2.0 stato pensati in chiave sociale o distribuita, ponendo al centro dell’esperienza l’utente.

Ancora una volta il Web 2.0 affonda le sue radici in settori differenti ma con dinamiche comuni (si veda il post sul Triz)…

Published
Categorized as Blog Tagged

2 comments

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *